Pubblicazioni

Resta aggiornato!

Leggi l’ultimo numero

in Primo Piano

Ultime notizie

Scopri tutte le news
7425846A-FD0E-46D8-8112-8840215E3828

Gruppo Argenta proclamato lo stato di agitazione nazionale

Gruppo Argenta, la storica azienda di distribuzione di snack e bevande con macchinette automatiche, ha chiesto l’ammortizzatore sociale senza accordo sindacale, aggravando la già complessa situazione lavorativa dei propri addetti. “L’azienda ha scelto, al momento, di abbandonare la strada del dialogo e della condivisione, richiedendo l’ammortizzatore sociale, nonostante il mancato accordo in sede ministeriale” scrivono Filcams, Fisascat, Uiltucs, che aggiungono: “È per questo che siamo a proclamare uno stato di agitazione su tutto il territorio nazionale, con il relativo blocco di ogni flessibilità richiesta".  In un incontro del 20 luglio scorso, il Gruppo Argenta aveva chiesto l’attivazione dell’ammortizzatore sociale nella misura del 13% medio su tutto il territorio nazionale, e già in quell’occasione, Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs avevano esposto le motivazioni per le quali tale richiesta sarebbe stata inopportuna e non attuabile: “Utilizzo massiccio di aziende terze per lo svolgimento di varie lavorazioni, carichi di lavoro ormai divenuti insostenibili, fuoriuscite volontarie dovute presumibilmente ai suddetti carichi di lavoro, che hanno portato ulteriori disagi nell’operatività quotidiana. La situazione è davvero pesante per le lavoratrici e i lavoratori del gruppo Argenta sempre più provati da una carente organizzazione del lavoro sono le motivazioni di contrarietà espresse. Nonostante la disapprovazione sindacale, l’azienda, nell’incontro del 4 agosto, ha comunque richiesto la convocazione ministeriale, alzando ulteriormente la percentuale attuabile dell’ammortizzatore sociale al 18%.

negoziozara

Contratto Integrativo Aziendale di ITX Italia srl, trattativa in stallo: proclamato lo stato di agitazione

Roma 4 agosto 2022 - La trattativa del rinnovo del Contratto Integrativo Aziendale di ITX Italia srl per le insegne Zara, Zara Home, Bershka, Pull & Bear, Massimo Dutti, Stradivarius e Oysho, è in fase di stallo dovuto all’indisponibilità dell’azienda di concordare con le Organizzazioni Sindacali istituti di premialità  a beneficio delle lavoratrici e dei lavoratori che da oltre 2 anni stanno svolgendo modifiche di mansioni, ore supplementari, straordinari dovute all’aumento consistente degli accessi nei negozi e alle richieste aziendali aggiuntive sollecitate soventemente. Itx Italia srl sta registrando fatturati milionari in tutto il mondo e non vuole condividere con tutti i lavoratori, i quali ne sono i principali artefici, gli ottimi risultati ottenuti dagli stessi. In questo scenario l’attivazione della Contrattazione Integrativa è una pratica democratica che è stata attivata da Filcams, Fisascat e Uiltucs al fine di trovare un equilibrio sostenibile con le esigenze dei lavoratori e dell’azienda ma la modalità di quest’ultima di dichiarare di non essere nelle condizioni di poter aggiungere istituiti di premialità, senza se e senza ma, sta a significare solamente il non riconoscere ai lavoratori tutto l’impegno richiesto e profuso in questi 2 anni. Lavorare in questi negozi è diventato troppo gravoso, tanto da non riuscire a ricevere conferma nelle nuove assunzioni. Per questi motivi, durante l’ultimo incontro del 26 luglio, unitamente al coordinamento unitario del 3 agosto scorso, Filcams, Fisascat e Uiltucs si vedono costretti a proclamare lo stato d’agitazione a livello nazionale al fine di far comprendere all’azienda le difficoltà che quotidianamente le lavoratrici ed i lavoratori affrontano, unitamente ai loro sacrifici ed ai risultati raggiunti che ad oggi l’azienda non vuole valorizzare.

coop3

Coop Alleanza 3.0, prosegue il confronto sulla definizione del Contratto integrativo da applicare ai 17.000 dipendenti della cooperativa di consumatori. Convergenze su relazioni sindacali, agibilità dei rappresentanti dei lavoratori, commissioni paritetiche tematiche, sistema di videosorveglianza, incrementi orari per i part-time, premio aziendale, trasferimenti, appalti e franchising

Dell’Orefice: «Proseguire il negoziato e provare a raggiungere avanzamenti su organizzazione del lavoro, pausa retribuita e maggiorazioni per lavoro domenicale e festivo. Lavoreremo per dare risposte a quanti quotidianamente operano per permettere all’impresa di affrontare le diverse criticità che, sin dalla sua nascita, la riguardano»

tglab589

Vigilanza Privata e Servizi Fiduciari, Contratto nazionale scaduto da oltre 6 anni nel silenzio non si fa!

Prosegue la mobilitazione a livello territoriale fino al 5 settembre, data di ripresa della trattativa

mediaworld_1

MediaWorld, spaccatura al tavolo della trattativa sulla definizione del primo Contratto integrativo aziendale da applicarsi ai circa 6.000 dipendenti della catena di elettronica di consumo. Alla base dello strappo la retromarcia aziendale sull’istituto delle ore solidali e le distanze in merito al meccanismo di incentivazione

Si interrompe un confronto che pure aveva raggiunto risultati positivi in tema di relazioni sindacali, gestione condivisa dell’organizzazione del lavoro, smart working e tutela di genere

sociosanitar

Terzo Settore, Fisascat Cisl e Uiltucs siglano con Confcommercio Salute Sanità e Cura il primo Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro applicato agli oltre 40mila addetti del settore socio sanitario assistenziale e delle cure post intensive

Parti Sociali: «Ccnl dalla forte matrice valoriale, sociale, solidale che riconosce dignità ai lavoratori di un settore altamente esposto alle logiche del dumping che l’intesa si propone di contrastare. Strutture e operatori sono parte integrante di un processo di crescita efficace ed efficiente»

Ultime Pubblicazioni

Progetto Terziario - Gennaio/Febbraio Marzo/Aprile Maggio/Giugno 2021

Documenti

TGLab Magazine
Laboratorio Terziario

TGLab

Resta aggiornato
segui TGLab

Notiziario settimanale web del terziario e del turismo.